ALEPH & OTHER Tales

MUSICA
LIBRI
TEATRO
CINEMA
PERSONAGGI
LIFESTYLE
Cerca
Close this search box.
MUSICA
LIBRI
TEATRO
CINEMA
PERSONAGGI
LIFESTYLE

C’era una volta Leona Woods: la fisica più giovane, la più brava e l’unica (in mezzo a 15 fisici) ad aver preso parte al Progetto Manhattan

«Leona, ma non è sproporzionato lavorare in un gruppo con una sola donna e quindici fisici?»

«Intanto è una fisica con quindici fisici… E poi, sono soltanto quindici ma sono bravi!»

Leona Harriet Woods era un prodigio: laureata a 18 anni, a 23 prese il dottorato in fisica, a 25 anni entrò a far parte del team del Progetto Manhattan, che portò alla costruzione della bomba atomica, e di cui facevano parte anche Oppenheimer, Fermi e Compton. Esperta nella rilevazione delle particelle con il trifluoruro di boro, addetta al calutrone e abile nel misurare il flusso di neutroni del reattore nucleare.

Mentre lavoravano al Progetto Manhattan, e lei era incinta, Enrico Fermi si era letto un manuale medico nel caso avesse dovuto farla partorire lui (perché Leona è rimasta operativa a Los Alamos fino all’ultimo giorno). E quando è tornata, appena tre giorni dopo il parto, l’autista di Fermi, Baudino, le ha detto che aveva superato il record delle contadine italiane, per la velocità con cui era tornata al lavoro.

Hanno tentato di ostacolarla in tutte le maniere, lei semplicemente li ha superati, diventando più brava di loro. Ma chi era Leona Woods?

Gabriella Greison, fisica, scrittrice, attrice e divulgatrice scientifica, ha dedicato il suo nuovo romanzo, “La donna della bomba atomica” (Mondadori) a Leona Woods e sta raccontando la sua storia nell’omonimo spettacolo teatrale portato in scena con la regia di Alessio Tagliento.

Gabriella, come ti sei imbattuta nella storia di Leona Woods? Ci racconti il lungo lavoro di ricerca dietro al tuo libro “La donna della bomba atomica”?

«Ho iniziato a pensare a Leona nel 2019, poco prima della pandemia. Leggendo tra le righe di un libro, in cui si parlava di Arthur Compton, uno dei fisici creatori della fisica quantistica, che sta in posa nella fotografia del 1927 che è la mia ossessione, quella a margine del V Congresso Solvay e che è diventata poi il mio cavallo di battaglia nel primo libro “L’incredibile cena dei fisici quantistici” (2015, Salani).

Siccome volevo occuparmi di lui, perché lo sto facendo per ogni personaggio in posa in quella foto, mi sono imbattuta in Leona Woods. In pratica, il nesso è stato che Arthur Compton, ogni sera, leggeva la Bibbia ad un gruppo di persone del Progetto Manhattan e, tra loro, non mancava mai proprio Leona.

Fantastico, ho pensato! Leggo meglio di Leona e scopro che è fisica nucleare, come me, e che è stato un prodigio, come me, e che la sua battaglia più grande è stata quello per essere riconosciuta per quello che faceva nella sua professione, in un mondo totalmente maschile, come quello della fisica nucleare e quantistica.

Quindi mi sono detta: perfetto, è lei il mio nuovo obiettivo. Poi è scoppiata la pandemia e non ho potuto viaggiare, perché per scrivere di lei e raccogliere informazioni avrei dovuto fare un viaggione nell’America più dura, quella del New Mexico, e allora ho rimandato fino all’estate scorsa quando sono partita per l’America.»

Perché, quando hai scoperto la storia inedita di Leona Woods, hai deciso di raccontarla in un romanzo e in uno spettacolo teatrale?

«Perché era una scienziata in un luogo totalmente maschile.

La fisica, in particolare la fisica quantistica e nucleare, è sempre stata lo svago degli uomini, per le donne c’erano altri svaghi, come curare i malati, fare figli, stare con la famiglia.

E da svago, poi, per gli uomini, è diventata una professione, ma l’ambiente è stato sempre storicamente più maschile di Sparta, più maschile di una caserma dei Marines, più maschile di un barbecue il 4 Luglio.

In America, figuriamoci in Europa! Parlare di Seconda Guerra mondiale è macho, parlare di bomba atomica è macho, per questo sono sempre stati gli uomini a farlo. A farlo, a parlarne, a commentarla.

Avete mai sentito una storica donna che parla di Seconda Guerra Mondiale? Figuriamoci la costruzione della bomba.

Per questo io mi sono immersa totalmente in questo lavoro. Lo faccio io. Come esempio per tutti.»

Gabriella, questa è una frase tratta dal tuo romanzo su Leona Woods: «C’erano scienziati che hanno cercato di scoraggiarla in tutte le maniere. Lei li ha superati, diventando più brava di loro.»

Credi che nel dibattito femminista sia necessario, oggi, proporre delle figure femminili ma di successo?

«È necessario, essenziale, fondamentale! Anche perché avere dei role model diventa fondamentale per noi, oggi, e per le nuove generazioni.

Le nuove generazioni devono vedere ragazze, altre donne, che hanno raggiunto il loro obiettivo perché finora non è mai stato così!

Noi siamo cresciute non vedendole, non avendo un riferimento (men che meno in televisione) di donne che si sono realizzate nel proprio ambito e nella scienza, in particolare nella fisica che è considerata la scienza più dura, è ancora più difficile vedere queste rappresentanze… Queste figure maestose che devono esserci, è fondamentale!»

Il destino ce lo creiamo noi, maledizione, a volte ne siamo artefici, a volte ne siamo colpevoli.

Questa frase che tu attribuisci a Leona è una frase che senti anche tua?

«Sì, il destino ce lo costruiamo noi! Io mi sono costruita, passo per passo, ogni cosa che ho fatto.

Ho creato un mio mondo dove vivere e dove realizzarmi.

Per me è fondamentale aver immaginato prima quello che volevo essere, per poi diventarlo. Non mi sono improvvisata: non mi sono improvvisata in niente, né nella scrittura né a teatro, in niente di quello che ho fatto.

A teatro io guardavo quelli più bravi di me e li ho studiati per dieci anni. Andavo a teatro a vedere Laura Curino, Lucilla Giagnoni, Massimo Popolizio, Marco Paolini, li guardavo e li emulavo. Tornavo a casa e ripetevo a memoria, davanti allo specchio, i loro monologhi. E così per dieci anni dunque non è che sono nata nel web, io sono nata con una preparazione ben precisa.

E la stessa cosa ho fatto per la scrittura, prima sono passata dal giornalismo, ho iniziato a scrivere ovunque e di qualsiasi cosa. Non importa quello che scrivi, ma l’importante è come lo scrivi! Io volevo dimostrare di saper scrivere e questo mi ha portato a scrivere il primo libro di successo: “L’incredibile cena dei fisici quantistici” (Salani) è stato un caso editoriale che ancora oggi, a distanza di dieci anni, continua a essere in ristampa. E dopo di lui ne sono nati altri undici, dodici libri in totale che continuano a essere ristampati e che porto in giro.»

Le loro storie le porto avanti io: dicono che l’immortalità arriva quando una persona continua a raccontare più e più volte la stessa storia… Allora io ho dodici immortalità da utilizzare!

…E, a proposito della storia di Leona che tu racconti, nel tuo romanzo ci sono dei dettagli molto specifici, i suoi pensieri oppure il fatto che Enrico Fermi e lei facessero il bagno insieme nel lago…

Sono tutti dettagli autentici o c’è qualcosa di romanzato?

«È tutto autentico: le mie ricostruzioni storiche sono ricostruzioni storiche accuratissime.

Io curo il dettaglio, nel momento in cui arrivo sul posto, lo chiamano Metodo Greison. Arrivare sul posto, iniziare a fare ricerca di tutto quello che è il materiale che voglio raccontare: parlo con le persone e con chi ha già sentito quelle storie prima di me.

Ma soltanto sul posto le trovo e quindi andando in America, in quella più dura: per Leona sono andata a Hanford, sono andata a Los Alamos, al centro del New Mexico, un posto irraggiungibile. Sono andata nei posti dove è possibile vedere come nascono quelle vicende che avevo l’esigenza di raccontare.

E dunque le nuotate con Fermi sono vere, così come sono veri i giochi che faceva con Enrico Fermi. Ad esempio una sera a Los Alamos hanno fatto un gioco: “chi vuoi essere nel tuo giorno libero?”, per svagarsi un po’ dopo una lunga giornata al Progetto Manhattan. Leona Woods ha risposto Greta Garbo, dopo di lei era il turno di Oppenheimer, che ha risposto Enrico Fermi.

E poi, certo, c’è uno spirito di romanzo all’interno dei miei racconti che mi permette di essere me stessa e quindi di tirare fuori il lato un po’ più forte di quella persona e di estremizzarlo.»

Nel libro parli anche di Albert Einstein e lui pronuncia questa frase: «Chiunque faccia scienza si convince che le leggi della natura manifestano l’esistenza di un essere totalmente superiore ad ogni umano, davanti a cui noi, con le nostre modeste facoltà, non possiamo che essere umili.»

E aggiungi, facendo parlare Leona, che Einstein si mise a fare anima.

Noi siamo abituate e abituati a pensare scienza e spiritualità e come due cose opposte, tu cosa ne pensi?

«Einstein si è messo a fare anima, si è messo lì e ha cercato di capire come tirare fuori se stesso all’interno di quello che scriveva e dei suoi studi. E non è da tutti! C’è chi è scienziato e rimane scienziato, puro, duro, e invece c’è chi cerca qualcosa in più.

Per esempio uno dei miei fisici di riferimento del ventesimo secolo è Wolfgang Ernst Pauli, lui andava addirittura in analisi da Jung per capire qualcosa di più della sua anima. Oppure mi piace tantissimo Erwin Schrödinger che cercava, in tutte le maniere, di trovare se stesso isolandosi, stando da solo. Einstein alla stessa maniera.

Dunque bisogna andarli a cercare questi fisici qua, sono pochi nel ventesimo secolo, ci hanno aperto la strada e li sto raccontando tutti, uno ad uno, nei miei romanzi e nei miei spettacoli teatrali.»

Quindi è possibile far coesistere fisica e un aspetto più spirituale?

«Bisogna essere portati per un certo tipo di ricerca: io non uso solo la scienza, uso la letteratura, uso la musica, uso qualsiasi cosa mi venga a supporto. Il teatro è il punto ultimo di realizzazione, riesco ad arrivare a tutti con il teatro!»

Hanno provato a sotterrarmi tante volte ma non sapevano fossi un seme.

Quanto è importante per te avere un progetto di vita per sconfiggere le oppressioni o comunque chi ci ostacola?

«Io l’ho fatto con la consapevolezza ma la consapevolezza non arriva subito, la consapevolezza arriva dopo tanto tempo. Io dico sempre che arriva dopo i quarant’anni, a me è arrivata con i quarant’anni. A quell’età cominci a capire quello che hai fatto e a dargli un senso, dargli un valore.

Io sentivo l’esigenza di colmare una lacuna, una lacuna di racconto che non c’era, e l’ho fatto sia per la fisica quantistica sia per la narrazione delle donne in ambiente scientifico.

Ecco, non sapevano fossi un seme, è una cosa che mi ha ispirato tantissimo, l’ho sentita molto e mi sono identificata in Leona. In Leona ho rivissuto quello che ho vissuto io! Io sono fisica nucleare, del mondo dell’infinitamente piccolo, quantistico, e Leona si è realizzata nell’ambiente più tossico di quel periodo. Io l’ho fatto all’École Polytechnique di Parigi, lavorando con François Amiranoff che era un riferimento eccezionale a quei tempi.

Poi sono tornata in Italia con l’esigenza di raccontarla la fisica e quindi mi sono creata il mio mondo ma ci ho messo dieci anni per crearlo questo mondo. E, come ho detto all’inizio, non mi sono improvvisata in niente.»

E, per questo motivo, il mio consiglio è non state dove o con chi non vi fa fiorire, è il mio motto! Serve tantissimo entrare nell’intimo significato di questa frase, io l’ho vissuta su di me e la consiglio a tutti!

Sapere poco è pericoloso, sapere molto non lo è mai.

Con la storia di Leona Woods viaggerete a Los Alamos, a Chicago, a Princeton, ad Hanford e vivrete gli anni del Progetto Manhattan…

E, ovviamente, leggetevi il libro di Gabriella Greison: “La donna della bomba atomica” (Mondadori).

È la fisica, baby! 🤟

Gabriella Greison è fisica, scrittrice, attrice e divulgatrice scientifica. Laureata in Fisica nucleare all’Università Statale di Milano, ha lavorato, tra l’altro, all’École Polytechnique di Parigi.

Definita dal “Corriere della Sera” e dalla stampa americana “la rockstar della fisica”, è autrice di dodici libri di divulgazione sulla meccanica quantistica, la storia della fisica e le grandi scienziate della storia, tre temi che le stanno molto a cuore. Tra questi: “L’incredibile cena dei fisici quantistici” (Salani); “Sei donne che hanno cambiato il mondo” (Bollati Boringhieri); “Ucciderò il gatto di Schrödinger” (Mondadori); “Guida quantistica per anticonformisti” (Mondadori).

Da ogni libro ha tratto un monologo o uno spettacolo teatrale, che porta in tour nei teatri di tutta Italia, e non solo.

Ha ideato e condotto diverse trasmissioni televisive, tra cui “Pillole di fisica” sulla Rai, “Il favoloso mondo della fisica quantistica” su Mediaset, “La teoria di tutte” su Sky Italia. È creatrice di podcast e programmi radiofonici.

Silvia Casabianca
Silvia Casabianca (in arte Madam Stories | Storia di Gente e Popoli) è un'antropologa culturale. Nel 2016 consegue la laurea magistrale in Discipline etno-antropologiche (all'interno della classe di Scienze Storiche) presso l'Università La Sapienza, specializzandosi in Storia e Cultura del Messico. Ad oggi si occupa di divulgazione storica, per lo più in chiave ironico-sperimentale. Crea contenuti dinamici, in cui narra "la storia dietro le corone", dietro le grandi gesta e le case dei regnanti, le storie dei popolani, dei popoli e la trasformazione culturale delle società, integrando il metodo etnografico alla ricerca storica.

Articoli Correlati

Innovazioni rivoluzionarie nell'Industria dei Semiconduttori: Laboratori e Strumentazione all'avanguardia

Innovazioni rivoluzionarie nell'Industria dei Semiconduttori: Laboratori e Strumentazione all'avanguardia

Nel cuore dell’industria tecnologica moderna, i semiconduttori svolgono un ruolo cruciale, alimentando una vasta gamma di dispositivi, dai telefoni cellulari…
Guida pratica per una corretta scelta dei Filtri a Carboni Attivi e dei Filtri Assoluti

Guida pratica per una corretta scelta dei Filtri a Carboni Attivi e dei Filtri Assoluti

I filtri a carboni attivi e i filtri assoluti sono strumenti fondamentali in vari settori, dall’uso domestico alla ricerca scientifica.…
Cappa chimica per farmacia, quale modello scegliere?

Cappa chimica per farmacia, quale modello scegliere?

Abbiamo già trattato in un precedente nostro articolo le caratteristiche e le tipologie di cappe chimiche, ma oggi vogliamo soffermarci…

Contenuti