ALEPH & OTHER Tales

MUSICA
LIBRI
TEATRO
CINEMA
PERSONAGGI
LIFESTYLE
Cerca
Close this search box.
MUSICA
LIBRI
TEATRO
CINEMA
PERSONAGGI
LIFESTYLE

Oppenheimer: il padre della bomba atomica

Siamo sempre stati affascinati dalla storia contrafattuale, la storia dei “se”: cosa sarebbe successo se quell’incontro fosse avvenuto, cosa sarebbe successo se i nazisti avessero costruito per primi la bomba atomica, usandola sugli Stati Uniti e vincendo la guerra?

Domande, queste, che sono state ampiamente studiate e creativamente risolte nelle numerose opere di letteratura e non solo: il libro Copenaghen di Michael Frayn, che raccoglie la trascrizione dell’omonimo spettacolo teatrale, ci narra di un incontro fittizio avvenuto tra Bohr e Heisenberg in cui vengono discussi i più assillanti interrogativi morali ed etici riguardanti l’energia atomica e il suo utilizzo per fini bellici.

La svastica sul sole, romanzo di Philip U. Dick, anche conosciuto come The Man in the High Castle, da cui è stata tratta l’omonima serie tv del 2015 distribuita da Amazon Studios, racconta di un mondo ucronico in cui la Germania ha vinto la guerra e ha stabilito un nuovo ordine mondiale con l’aiuto del Giappone.

Di esempi del genere ne è piena la letteratura, sia fittizia sia storica, con stormi di studiosi che per anni si sono interrogati sui numerosi se della storia dell’umanità.

Ma ci siamo mai fermati a domandarci cosa sia realmente accaduto? Cosa ha provato veramente il padre della bomba atomica, ad esempio, quando si è reso conto di aver dato agli uomini il potere di distruggersi tra loro?

Christopher Nolan si pone questo interrogativo, e la sua risposta è un film di 3 ore con un cast stellare che indaga il prima, il durante e il dopo la costruzione della bomba atomica, mostrandoci l’abilità dell’America di creare e distruggere i propri eroi.

Il film si basa sul libro American Prometeus: The Triumph and Tragedy of J. Robert Oppenheimer, biografia scritta da Kai Bird e Martin J. Sherwin. Più di 700 pagine trasformate in una sceneggiatura di 3 ore che, tuttavia, non mette in scena un film biografico. Infatti, nulla è mostrato sull’infanzia e l’adolescenza turbolenta del futuro fisico teorico, ma si esplorano principalmente gli anni nei quali, grazie ad Oppenheimer, la fisica quantistica viene inserita all’interno dei curricula universitari negli Stati Uniti, per poi passare a raccontare del progetto Manhattan e della creazione della cittadina di Los Alamos, in cui venne effettuato il primo test della bomba atomica.

Il film si sviluppa su due diverse narrazioni, che oscillano e si intrecciano tra loro per tutta la durata della pellicola: la prima, intitolata “Fissione”, in cui il film è raccontato con colori vividi e brillanti, segue la narrazione del progetto Manhattan secondo il punto di vista soggettivo di Oppenheimer stesso; la seconda, invece, è intitolata “Fusione”, e con sequenze in bianco e nero segue la vicenda della nomina a segretario di commercio di Lewis Strauss (interpretato magistralmente da Robert Downey Jr). Il motivo di questa doppia scelta sui colori si ritrova nel desiderio del regista di raccontare, attraverso il bianco e nero, una versione oggettiva e da un diverso punto di vista della storia di Oppenheimer.

Oppenheimer è il film di Nolan con il maggior numero di “prime volte”: la sceneggiatura è stata scritta per la prima volta completamente in prima persona; è la prima volta che un film viene girato con telecamere IMAX in bianco e nero; è inoltre il primo film di Nolan in cui viene indagata a fondo anche la componente romantica.

Infatti, una superba e sensuale Florence Pugh interpreta la comunista Jean Tatlock, con cui Oppenheimer ha avuto una storia che lo segnerà profondamente in futuro, soprattuto per i legami che la donna ha con il partito comunista. Florence Pugh domina magistralmente quelle poche scene in cui è presente, che rappresentano anche le prime scene di sesso e nudità prolungata presenti in un film di Nolan. Ma non fatevi ingannare: non è strategia di marketing, poiché queste scene sono state ben inserite all’interno della narrazione, con un vero e proprio significato.

L’altra donna della vita di Oppenheimer, Kitty, colei che poi diventerà sua moglie, è interpretata da Emily Blunt. Fortunatamente, il personaggio esce fuori dall’archetipo della moglie che sostiene e soffre per il perseguitato marito, rappresentando in tutta la drammaticità un’alcolista cinica che non approva la strategia del marito di fare da martire e capro espiatorio fino all’ultimo.

Il già citato Robert Downey Jr mostra in questo film tutta la sua versatilità. Guidando la parte della “Fusione”, l’attore interpreta Lewis Strauss, l’altezzoso commissario dell’energia atomica che, nel corso della pellicola, cerca di entrare a far parte del circolo politico di Eisenhower come segretario al commercio. Se all’inizio tutta questa vicenda può sembrare slegata dal resto della narrazione, nell’ultima parte del film diventa fondamentale per comprendere le reali conseguenze attorno alla vicenda della bomba atomica.

Anche il resto del cast secondario è composto da nomi importanti del cinema odierno: Kenneth Branagh interpreta Niels Bohr, un Gary Oldman quasi irriconoscibile si cimenta nella parte del presidente americano Truman, e poi ancora Rami Malek, Alden Ehrenreich e tanti altri.

Ma il centro di questa rosa di nomi è proprio lui, Cillian Murphy nel ruolo di J. Robert Oppenheimer.

I suoi occhi azzurro ghiaccio, messi spesso in risalto con lunghe sequenze in primo piano, offrono una finestra nella mente tormentata del fisico teorico, la cui concezione del mondo quantico viene rappresentata attraverso onde di energia e particelle luminose che collidono e interagiscono tra loro.

L’attore, alla sua sesta collaborazione con Nolan e la prima come protagonista in un suo film, riesce a dare prova di grande intensità emotiva quando si tratta di mostrare i demoni interiori del suo personaggio, attraverso intense espressioni che vengono magistralmente colte dal registra con i numerosi primi piani che permettono allo spettatore di cogliere ogni più piccola variazione di espressione.

D’altronde, il personaggio di Oppenheimer è decisamente complesso: osannato come un eroe per aver messo fine alla guerra, spezzato dal senso di colpa per quanto successo a Hiroshima e Nagasaki, e costantemente alla ricerca di espiazione attraverso il martirio negli anni a seguire.

La complessità di un uomo che non sa in cosa credere, che si rifugia nel caotico mondo della fisica quantistica pur di non affrontare le conseguenze delle sue azioni. Un uomo che ha dato all’umanità il potere di distruggersi a vicenda, e che sarà per sempre perseguitato da tale successo.

Sono diventato Morte, il distruttore di mondi: questa la celebre frase che il fisico pronuncia dopo il successo del Trinity Test, il primo test della bomba atomica.


*

Allerta Spoiler! 😉

*

*
*
*
*

Ed è proprio la sequenza del countdown finale prima dell’esplosione quella che racchiude in sé tutte le aspettative dello spettatore, senza deludere neanche per un secondo.

La riproduzione dell’esplosione del Trinity Test, infatti, è stata ricreata senza fare utilizzo della computer grafica: Nolan e il suo team hanno usato vero esplosivo, combinato con magnesio e gasoline, per dare all’esplosione quel senso di realtà che il regista ricerca sempre all’interno dei suoi film.

Interessante notare il dettaglio riguardante il ritardo del suono rispetto all’esplosione, forse insignificante per il pubblico generale, ma che sta a cuore di tutti i fisici e gli scienziati presenti in sala.

In conclusione, Oppenheimer rappresenta un film Nolaniano per eccellenza. Certamente non racchiude quel senso di maestosità tipico della trilogia su Batman, e non risulta essere neanche così scientificamente complicato e intricato come Tenet o Inception, ma si avvicina maggiormente all’altro dramma storico di Nolan, Dunkirk, richiamando alla mente la complessità e la solennità tipiche di Interstellar.

Cover: Cillian Murphy interpreta Oppenheimer. Crediti: OppenheimerMovie official website.

Martina D'Arco
Martina D'Arco è una studentessa di Fisica delle Particelle con una grande passione per la scrittura sin da piccola. Dopo aver visitato il CERN per la prima volta nel 2018, aveva promesso a se stessa che sarebbe tornata, questa volta per restare. E così è stato: ha conseguito la laurea triennale in Fisica all'Università La Sapienza di Roma, e attualmente frequenta il Master in Particle Physics all'Università di Ginevra. La sua frase distintiva è: "Non smettere mai di guardare verso le stelle".

Articoli Correlati

Innovazioni rivoluzionarie nell'Industria dei Semiconduttori: Laboratori e Strumentazione all'avanguardia

Innovazioni rivoluzionarie nell'Industria dei Semiconduttori: Laboratori e Strumentazione all'avanguardia

Nel cuore dell’industria tecnologica moderna, i semiconduttori svolgono un ruolo cruciale, alimentando una vasta gamma di dispositivi, dai telefoni cellulari…
Guida pratica per una corretta scelta dei Filtri a Carboni Attivi e dei Filtri Assoluti

Guida pratica per una corretta scelta dei Filtri a Carboni Attivi e dei Filtri Assoluti

I filtri a carboni attivi e i filtri assoluti sono strumenti fondamentali in vari settori, dall’uso domestico alla ricerca scientifica.…
Cappa chimica per farmacia, quale modello scegliere?

Cappa chimica per farmacia, quale modello scegliere?

Abbiamo già trattato in un precedente nostro articolo le caratteristiche e le tipologie di cappe chimiche, ma oggi vogliamo soffermarci…

Contenuti