ALEPH & OTHER Tales

MUSICA
LIBRI
TEATRO
CINEMA
PERSONAGGI
LIFESTYLE
Cerca
Close this search box.
MUSICA
LIBRI
TEATRO
CINEMA
PERSONAGGI
LIFESTYLE

Frigoriferi da laboratorio vs. Frigoriferi domestici: differenze, normative, conservazione degli alimenti e dei medicinali

Nel mondo della refrigerazione, i frigoriferi da laboratorio e quelli domestici svolgono ruoli distinti, guidati da specifiche esigenze e normative. Certamente entrambi assolvono alla medesima funzione ma con tecnologie e finiture differenti. In questo articolo analizziamo le differenze cruciali tra i due tipi di frigoriferi, con un focus sulle origini, sulle normative tecniche, di costruzione e certificazione, nonché sull’importanza della conservazione degli alimenti e dei medicinali.

Ma prima qualche cenno storico: l’invenzione del frigorifero

Prima dell’invenzione del frigorifero così come lo conosciamo oggi, la conservazione degli alimenti era un compito arduo e spesso inefficace. Le popolazioni utilizzavano tecniche come l’essiccazione, la salatura e l’affumicatura per conservare i cibi. Nei climi più freddi, il ghiaccio e la neve venivano utilizzati per mantenere freschi gli alimenti, ma queste soluzioni erano stagionali e limitate.

Nel XVIII e XIX secolo, gli scienziati iniziarono a esplorare metodi più avanzati per la refrigerazione. Uno dei precursori fu William Cullen, medico e chimico scozzese che nel 1755 dimostrò un metodo di raffreddamento basato sull’evaporazione dell’etere. Sebbene non abbia sviluppato un dispositivo pratico, le sue scoperte furono fondamentali per i progressi successivi.

La paternità del Frigorifero moderno si può attribuire a Jacob Perkins, inventore americano nato nel 1766. Le sue innovazioni spaziano in diversi settori, tra cui la metallurgia, la stampa e l’ingegneria meccanica. Nel 1834, Perkins brevettò un sistema di refrigerazione a compressione di vapore, che utilizzava l’etere come refrigerante. Il sistema consisteva in un compressore, un condensatore e un evaporatore, componenti che sono ancora alla base dei moderni frigoriferi.

Pioniere dell’Industria della Refrigerazione fu James Harrison, ingegnere australiano di origine scozzese, fece significativi progressi nel campo della refrigerazione commerciale. Nel 1856, Harrison brevettò un sistema di refrigerazione a compressione di vapore simile a quello di Perkins basato sull’utilizzo dell’etere come refrigerante, ma con miglioramenti che lo resero più pratico per l’uso industriale. Il principio di funzionamento del sistema di Harrison funzionava comprimendo l’etere, che veniva poi condensato in un liquido. Questo liquido veniva quindi evaporato, assorbendo calore dall’ambiente circostante e producendo un effetto di raffreddamento. Questo principio di funzionamento è alla base dei moderni sistemi di refrigerazione a compressione di vapore. Harrison installò i primi sistemi di refrigerazione in birrifici e macelli, dimostrando l’efficacia della tecnologia per la conservazione di alimenti e bevande su larga scala. La sua invenzione permise anche lo sviluppo del trasporto refrigerato, rivoluzionando l’industria alimentare globale.

Decisivo, nell’innovazione della refrigerazione domestica fu il contributo di Carl von Linde, un ingegnere tedesco. Negli anni ’70 del XIX secolo, von Linde sviluppò un sistema di refrigerazione a compressione di ammoniaca, un refrigerante più efficace e sicuro rispetto all’etere. Nel 1876, fondò la Linde AG, un’azienda che divenne leader nella produzione di impianti di refrigerazione.La tecnologia di von Linde trovò rapidamente applicazione nei settori industriali e commerciali, ma la vera rivoluzione arrivò all’inizio del XX secolo con l’introduzione dei primi frigoriferi domestici. Il frigorifero divenne gradualmente un elettrodomestico essenziale nelle case, migliorando la sicurezza alimentare e semplificando la vita quotidiana.

Il primo frigorifero domestico di successo fu il “Domelre” (Domestic Electric Refrigerator), sviluppato da Fred W. Wolf nel 1913. Tuttavia, fu l’introduzione del “Kelvinator” nel 1918 a segnare l’inizio della diffusione su larga scala dei frigoriferi domestici. La Kelvinator Company introdusse innovazioni come il controllo automatico della temperatura, rendendo i frigoriferi più affidabili e facili da usare. Negli anni ’20 e ’30, altre aziende come Frigidaire e General Electric entrarono nel mercato, contribuendo a migliorare la tecnologia e a ridurre i costi. Questo rese i frigoriferi accessibili a un numero crescente di famiglie.

Quali sono le principali differenze tra Frigoriferi Professionali da Laboratorio e Frigoriferi Domestici?

Differenze di progettazione

I frigoriferi professionali sono progettati per un uso intensivo in ambienti come laboratori, industrie o strutture mediche. Hanno una capacità maggiore rispetto ai frigoriferi domestici e spesso includono funzionalità avanzate come il controllo remoto e la registrazione dei dati. I frigoriferi domestici sono più piccoli e adatti alle esigenze quotidiane delle famiglie. Solitamente non hanno funzionalità avanzate come i frigoriferi professionali.

Frigoriferi da Laboratorio: Progettati per soddisfare rigorosi standard di sicurezza e precisione, i frigoriferi da laboratorio presentano un design più robusto e materiali di alta qualità per resistere a temperature estreme e ambienti critici.

Frigoriferi Domestici: Mirati principalmente alla convenienza e all’aspetto estetico, i frigoriferi domestici tendono ad essere più leggeri e utilizzano materiali meno robusti.

Classe energetica e consumi

I frigoriferi professionali devono rispettare le normative sull’HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) per la corretta conservazione dei cibi. Questo può influenzare la loro classe energetica e il consumo di energia. I frigoriferi domestici hanno una gamma di temperature più ampia e spesso consumano meno energia rispetto a quelli professionali.

Materiali e costruzione

I frigoriferi professionali per laboratori sono realizzati con materiali di alta qualità come l’acciaio inox, che offre maggiore resistenza nel tempo e una tenuta stagna. I frigoriferi domestici possono utilizzare materiali meno robusti, ma sono comunque adatti per un uso quotidiano. Per quanto riguarda la costruzione interna, i Frigoriferi da Laboratorio utilizzano materiali non reattivi e resistenti alla corrosione per garantire la purezza dei campioni conservati, con ripiani regolabili per adattarsi a varie dimensioni di contenitori. Al contrario, i Frigoriferi Domestici utilizzano ripiani e materiali interni più semplici, focalizzati principalmente sulla comodità e sull’organizzazione degli alimenti.

Norme tecniche e certificazioni

Le differenze normative sono altrettanto significative. I frigoriferi per laboratorio sono soggetti a rigide normative internazionali, come le linee guida del National Sanitation Foundation (NSF) o dell’International Organization for Standardization (ISO), per garantire la conformità agli standard di sicurezza e qualità richiesti. Le normative per i frigoriferi domestici invece sono più focalizzate sulla sicurezza alimentare e sull’efficienza energetica, con meno stringenti requisiti di certificazione.

Conservazione degli alimenti e dei medicinali

La conservazione degli alimenti e dei medicinali è un aspetto cruciale sia nei laboratori che nelle case. Nei laboratori, la conservazione è regolata da rigide normative per garantire la sicurezza e l’integrità dei campioni. La conformità a queste normative è essenziale per garantire la validità e l’affidabilità dei risultati ottenuti. Nei frigoriferi domestici, la conservazione è orientata principalmente alla freschezza degli alimenti e alla prevenzione dello spreco, mentre per i medicinali è importante rispettare le indicazioni di conservazione riportate sulle confezioni.

Controllo della Temperatura

La differenza nella regolazione della temperatura è un altro aspetto chiave. Nei laboratori, il controllo preciso della temperatura è essenziale per preservare l’integrità dei campioni sensibili. I frigoriferi da laboratorio offrono quindi funzionalità avanzate, come la regolazione dell’umidità e gli allarmi di temperatura, garantendo un ambiente stabile e controllato. Nei frigoriferi domestici, invece, il controllo della temperatura è più standardizzato e potrebbe non essere altrettanto preciso o regolabile. I Frigoriferi Professionali consentono di regolare la temperatura a partire da diversi gradi sotto lo zero fino a diversi gradi sopra lo zero. Questa flessibilità è essenziale per la conservazione di farmaci e campioni di laboratorio. I Frigoriferi Domestici di solito prevedono un termostato che regola la temperatura interna da un minimo di 0°C ad un massimo di 4/5°C. Sono ottimali per la conservazione degli alimenti casalinghi.

Quali sono le manutenzioni previste per i Frigoriferi Professionali da Laboratorio e quali per i Frigoriferi Domestici?

Le manutenzioni previste nei frigoriferi professionali da laboratorio e nei frigoriferi domestici differiscono a seconda delle esigenze specifiche di ciascun ambiente e del tipo di apparecchio. E’ fondamentale attenersi alle indicazioni dele case costruttrici, alle norme tecniche di riferimento e agli standard di qualità specifici per ambienti laboratoriali.

Frigoriferi Professionali da Laboratorio

  1. Pulizia e Igienizzazione Regolare: data la sensibilità dei campioni conservati nei laboratori, la pulizia e l’igienizzazione regolare dei frigoriferi sono fondamentali per evitare contaminazioni incrociate. Questa operazione dovrebbe essere eseguita con detergenti non corrosivi e non reattivi, seguendo le linee guida specifiche del laboratorio e le normative vigenti.
  2. Controllo e Taratura dei Sensori di Temperatura: i frigoriferi da laboratorio devono mantenere temperature precise e uniformi per garantire la stabilità dei campioni. È importante controllare periodicamente e tarare i sensori di temperatura per assicurarsi che il frigorifero funzioni correttamente e rispetti gli standard di conservazione. L’adozione di Data Logger, aiuta nel monitoraggio del corretto mantenimento delle condizioni ambientali interne.
  3. Sostituzione dei Filtri dell’Aria: alcuni frigoriferi da laboratorio sono dotati di filtri dell’aria per ridurre il rischio di contaminazione microbiologica. È importante sostituire regolarmente questi filtri per mantenere la qualità dell’aria all’interno del frigorifero e proteggere i campioni conservati.
  4. Verifica dei Sistemi di Sicurezza e Allarmi: I frigoriferi da laboratorio sono dotati di sistemi di sicurezza e allarmi per segnalare anomalie di temperatura o altre condizioni critiche.

Frigoriferi Domestici

  1. Pulizia Periodica: la pulizia regolare del frigorifero domestico è importante per mantenere un ambiente igienico e prevenire la formazione di muffe e batteri. Questo include la pulizia degli interni, dei ripiani e delle guarnizioni delle porte.
  2. Sbrinamento del Congelatore: nei frigoriferi domestici con congelatore integrato, è necessario sbrinare periodicamente il vano congelatore per rimuovere il ghiaccio accumulato e mantenere un corretto flusso d’aria. Anche se attualmente lo sbrinamento dello scomparto congelatore per i frigoriferi domestici di fascia medio alta, avviene in modo automatico.
  3. Controllo delle Guarnizioni delle Porte: le guarnizioni delle porte devono essere controllate regolarmente per assicurarsi che siano sigillate correttamente. Guarnizioni danneggiate o usurate possono compromettere l’efficienza energetica del frigorifero e causare perdite di freddo.
  4. Controllo del Funzionamento Generale: è consigliabile verificare periodicamente il corretto funzionamento del frigorifero, inclusi i sistemi di raffreddamento e gli indicatori di temperatura.

Se sei alla ricerca di un frigorifero professionale per laboratorio che garantisca stabilità della temperatura, qualità e durata nel tempo puoi dare un’occhiata qui!

Articoli Correlati

Innovazioni rivoluzionarie nell'Industria dei Semiconduttori: Laboratori e Strumentazione all'avanguardia

Innovazioni rivoluzionarie nell'Industria dei Semiconduttori: Laboratori e Strumentazione all'avanguardia

Nel cuore dell’industria tecnologica moderna, i semiconduttori svolgono un ruolo cruciale, alimentando una vasta gamma di dispositivi, dai telefoni cellulari…
Guida pratica per una corretta scelta dei Filtri a Carboni Attivi e dei Filtri Assoluti

Guida pratica per una corretta scelta dei Filtri a Carboni Attivi e dei Filtri Assoluti

I filtri a carboni attivi e i filtri assoluti sono strumenti fondamentali in vari settori, dall’uso domestico alla ricerca scientifica.…
Cappa chimica per farmacia, quale modello scegliere?

Cappa chimica per farmacia, quale modello scegliere?

Abbiamo già trattato in un precedente nostro articolo le caratteristiche e le tipologie di cappe chimiche, ma oggi vogliamo soffermarci…

Contenuti