ALEPH & OTHER Tales

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Cosa provoca le reazioni psicologiche estreme alle eclissi?

Secondo gli esperti, trovarci all’ombra della luna ci lascia sbalorditi, più connessi alle meraviglie del nostro mondo e alle persone con cui lo condividiamo.

David Makepeace ricorda data e ora, anche al minuto, come se fosse la sua data di nascita: 11 luglio 1991, 11:47. Su una collina bruciata dal sole a La Paz, in Messico, fu il momento in cui il sole scomparve e l’ombra gigantesca della luna inghiottì lui e tutto ciò che lo circondava.

Fu una delle eclissi totali più lunghe degli ultimi cento anni, e capì che nel momento in cui l’ombra della luna svanì, quasi sette minuti dopo, sul Pacifico, avrebbe dovuto inseguirla, ancora e ancora.

«Mi ha assolutamente sbalordito, ho trascorso i due giorni successivi seduto sulle rive del Mare di Cortez con i pellicani domandandomi di tutto», dice Makepeace.

«Quel giorno ho compreso che la vita è molto più di quanto sembri. L’eclissi mi ha costretto a sfondare la barriera bidimensionale conosciuta come cielo e scrutare un universo profondo, dinamico e potente – tanto parte di me quanto io lo sono di lui. Era unità. Un’epifania, una svolta, un’esperienza estrema. Se la vita è una serie di risvegli, allora questo è stato un grande risveglio! Da allora non sono più stato lo stesso.»

Ora, 33 anni dopo, Makepeace è uno dei cacciatori di eclissi più famosi al mondo e ha osservato 17 eclissi solari totali in tutto il mondo, in tutti e sette i continenti, dalla Libia all’Antartide fino all’isola di Tidore nell’Indonesia orientale. Filmmaker di professione, condivide i suoi resoconti e video sull’eclissi come The Eclipse Guy e le sue riflessioni su cosa significhi come speaker.

Ogni eclissi sembra intensa quanto l’ultima, dice. «Le emozioni sono fortissime; cadono le lacrime. Penserete: è stata la cosa più bella che abbia mai visto e non sono sicuro di cosa mi sia successo, ma significava qualcosa

Makepeace non è il solo: coloro che si trovano sul percorso della totalità, dove la luna oscura completamente il sole, riferiscono regolarmente forti esplosioni di emozioni e un persistente senso di stupore.

Questo stato emotivo elevato ha il potere di fare molto di più che aprirci alle meraviglie dell’universo: gli scienziati dicono che può farci sentire più curiosi e connessi agli altri che ne fanno parte.

Gli effetti psicologici dello stupore durante un’eclissi

«Questo è un evento umano, non riguarda solo gli astronomi. Abbiamo tutti bisogno di sperimentarlo», dice Kate Russo, cacciatrice di eclissi, riguardo all’eclissi solare totale che si è verificata l’8 aprile. «Non è necessario sapere nulla per provare quel travolgente senso di stupore».

Russo usa il suo lavoro di psicologa clinica per studiare gli effetti profondi che le eclissi hanno sugli esseri umani, scrivendo diversi libri sull’argomento, tra cui Being in the Shadow: Stories of the First-time Total Eclipse Experience.

Come Makepeace, la prima eclissi solare totale di Russo nel 1999 è stata un evento così sconvolgente che ha capito immediatamente che avrebbe dovuto vederne una di nuovo. Da allora ha seguito l’ombra della luna, dal Madagascar alle Isole Galapagos fino alla Mongolia, per un totale di 13 eclissi solari totali.

«Lo stupore è un’emozione piuttosto complessa; ti senti come se fossi al cospetto di qualcosa di più grande di te. E lo stupore mette alla prova il modo in cui pensi alle cose nel mondo», afferma Russo.

Il potere dello stupore è spesso considerato ineffabile e oltre ogni misura, ma una sua comprensione più profonda è stata in gran parte guidata dal lavoro a lungo termine di Dacher Keltner e del suo team. Keltner, un pioniere nella scienza dello stupore, è il direttore fondatore del Greater Good Science Center presso l’Università della California, Berkeley e autore di Awe: The New Science of Everyday Wonder.

Mentre per molti di noi lo stupore va oltre le parole, Keltner lo definisce come la sensazione di essere in presenza di qualcosa di vasto che trascende la nostra comprensione del mondo.

Maria Monroy, associata post-dottorato presso il dipartimento di psicologia dell’Università di Yale, ha condotto uno studio sugli effetti psicologici delle eclissi durante l’eclissi solare totale del 21 agosto 2017 a Salem, nell’Oregon.

Mentre Keltner e Monroy hanno scoperto che il timore reverenziale ha molti effetti positivi sulla nostra salute mentale e sul nostro benessere, Monroy si concentra particolarmente su come il timore reverenziale renda le persone più prosociali, agendo a beneficio degli altri piuttosto che di se stessi. Gli studi hanno già dimostrato le connessioni tra stupore e curiosità, e le indagini di Monroy condotte dopo l’eclissi del 2017 hanno mostrato che quanto maggiore era lo stupore provato dalle persone durante l’eclissi, tanto più curiose e connesse si sentivano nei confronti degli altri.

Anche se un’eclissi solare totale è un ambiente naturale perfetto per osservare lo stupore, Monroy afferma che lo stupore può derivare da una vastità che va oltre la natura e il mondo fisico: può essere un’idea che ti lascia a bocca aperta, un’esperienza musicale che ti lascia senza parole, o anche un risveglio attraverso le sostanze psichedeliche.

Lo stupore può unire le persone

«Lo stupore ci fa “uscire dalla nostra testa”», dice Russo. «Quando provi stupore durante l’eclissi totale, o anche un po’ di stupore all’alba e al tramonto, esci da quella rete di modalità predefinita e invece di interpretare tutto dalla tua prospettiva, ti “perdi” un po’.»

Il timore reverenziale non solo ispira la riflessione personale, ma può anche generare trasformazioni nella comunità.

Russo ha collaborato con la città di Uvalde, nel Texas occidentale, per aiutarli a prepararsi per i riflettori al bivio dell’eclissi. La città si trovava sul percorso dell’eclissi solare anulare avvenuta il 14 ottobre dello scorso anno ed è stata sul percorso della totalità per l’eclissi solare totale dell’8 aprile.

Uvalde ha ricevuto l’attenzione nazionale dopo una tragica sparatoria in una scuola avvenuta il 24 maggio 2022, e Russo afferma che l’eclissi ha dato alla città in lutto qualcos’altro per cui essere conosciuta. Per promuovere la buona volontà e la connessione ha contribuito a creare il Solar Eclipse Village, uno spazio di ritrovo comunitario per le eclissi.

Durante l’eclissi del 14 ottobre, Russo ha anche guidato il suo Project Awe pilot nel villaggio. Utilizzando cuffie EEG e cardiofrequenzimetri, lei e il suo partner di ricerca Andrew Bailey hanno misurato le risposte fisiologiche dei volontari. Questo progetto pilota è stato il primo studio a catturare le reazioni fisiche alle eclissi.

Una scoperta inaspettata è stata la comparsa di stupore in varie fasi durante l’eclissi.

Immediatamente dopo l’eclissi, un’accresciuta introspezione è stata indicata da onde cerebrali ad alta ampiezza e a bassa frequenza, che sono comunemente osservate in altre esperienze profonde o stimolanti.

Esperienze ripetute di stupore possono unirci, dice Russo, e ci sono infiniti modi per trovarlo al di là dei fenomeni celesti. Può essere trovato nelle piccole meraviglie di tutti i giorni, come catturare la luce del sole che filtra attraverso gli alberi o in ciò che Keltner chiama “bellezza morale”, un senso di apprezzamento per gli altri che agiscono altruisticamente. Keltner e il suo team hanno scoperto che è la fonte di stupore più comune.

Lo stupore ci ricorda che non siamo soli. Condividiamo i nostri più grandi momenti di stupore con gli altri in “effervescenza collettiva”, afferma Russo. «Proprio come il mormorio di uno storno nel cielo si muove all’unisono, nella totalità la folla si comporta all’unisono.» I cori dei tifosi durante le partite sportive o i canti durante i concerti musicali sono altri esempi di questa energia collettiva, aggiunge Russo.

«La folla è una; sei parte del momento.»

Cover Photo: William “Bill” Hyde e Angelica Grimes guardano l’eclissi solare. La fuga d’amore di massa ha avuto luogo durante il festival Total Eclipse of the Heart. Le coppie avevano bisogno solo di una licenza di matrimonio per partecipare. Sono stati forniti l’officiante, la cerimonia e anche un brindisi.
Credits Photo: Aaron Huey.

Fonte: National Geographic.

Articoli Correlati

Dove andiamo quando dormiamo? Il grande mistero del sonno e dei sogni

Dove andiamo quando dormiamo? Il grande mistero del sonno e dei sogni

Il sonno è un comportamento. Può sembrare un’affermazione curiosa, in quanto noi tutti tendiamo ad associare il comportamento ad una…
Dai batteri un’arma per creare sangue universale per le trasfusioni

Dai batteri un’arma per creare sangue universale per le trasfusioni

Tutto merito di un piccolo batterio che vive nel nostro intestino, o meglio dei suoi enzimi, che sono in grado…
Behavioral enrichment: l'arricchimento comportamentale per migliorare la qualità nella cura degli animali in cattività

Behavioral enrichment: l'arricchimento comportamentale per migliorare la qualità nella cura degli animali in cattività

Facciamo un po’ di chiarezza, soprattutto per le persone che mi conoscono e che mi hanno sentito dire queste parole…

Contenuti