ALEPH & OTHER Tales

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Come faccio a sapere quando Google rilascia un nuovo aggiornamento dell’algoritmo?

cartello help wanted

Nel precedente articolo abbiamo visto quali sono stati gli aggiornamenti principali dell’algoritmo di Google negli ultimi anni.

Non è necessario tenere traccia di ogni singola modifica apportata da Google al suo algoritmo di ranking. Tuttavia, è fondamentale essere aggiornati sugli aggiornamenti principali, in modo da poter adattare la tua strategia SEO di conseguenza.

Google Alert, Google Analytics, MozCast e Grump: come individuare le modifiche all’algoritmo di ranking

Innanzitutto, imposta un avviso di Google per le modifiche dell’algoritmo. Con Google Alert, riceverai una notifica direttamente nella tua casella di posta ogni volta che gli aggiornamenti dell’algoritmo SEO vengono menzionati online in modo da poter iniziare a prepararti per le modifiche il prima possibile.

Successivamente, se sei su Twitter, segui Google SearchLiaison. È un account ufficiale in cui vedrai le notifiche degli aggiornamenti dell’algoritmo principale. Google Alert non funziona sui social media, quindi seguire questo account ti offre un altro modo per tenere traccia di eventuali menzioni delle modifiche dell’algoritmo di ranking.

Da qui, puoi leggere gli annunci ufficiali per saperne di più su come questi aggiornamenti dell’algoritmo SEO ti influenzano. Puoi anche saperne di più sui miglioramenti pianificati da Google, che possono aiutarti a migliorare la tua strategia SEO più in generale.

In terzo luogo, puoi utilizzare Google Analytics per aiutarti a individuare le modifiche all’algoritmo di ranking. In che modo Google Analytics può essere d’aiuto? Bene, può aiutarti a identificare fluttuazioni insolite nel traffico e nelle conversioni, per prima cosa. Puoi quindi dare un’occhiata più da vicino alla tua performance per vedere se sei stato “influenzato” in qualche modo da una modifica dell’algoritmo di Google.

Infine, prova uno strumento di analisi degli algoritmi come MozCast o Grump di Accuranker. Questi strumenti tengono traccia delle modifiche all’algoritmo di Google su base giornaliera per aiutare gli esperti di marketing a rimanere al passo con eventuali aggiornamenti.

Con Grump, ad esempio, puoi tenere traccia delle modifiche dell’algoritmo in base al dispositivo, quindi se hai notato un calo del traffico o delle conversioni da dispositivo mobile, puoi utilizzare questo strumento per vedere se Google è “più scontroso” del solito, il che suggerisce che c’è stata una modifica al suo algoritmo di classificazione.

Come determinare quale aggiornamento dell’algoritmo di Google ha interessato il tuo sito web

Hai notato un forte calo del traffico di recente? Una modifica dell’algoritmo SEO potrebbe essere la responsabile.

Ecco i due modi migliori per determinare quale aggiornamento ha appena penalizzato il tuo sito web e come porvi rimedio:

  • Innanzitutto, controlla Google Search Central (in precedenza nota come Google Webmasters). Questa piattaforma contiene numerose risorse per aiutarti a diagnosticare problemi di prestazioni comuni e identificare possibili “sanzioni” dell’algoritmo.
  • Successivamente, accedi a Search Console, uno strumento di analisi gratuito di Google. Che tu voglia identificare problemi di usabilità su dispositivi mobili o monitorare le prestazioni del tuo sito, Search Console ha le risorse di cui hai bisogno.


Combinati, questi strumenti possono aiutarti a monitorare facilmente le modifiche all’algoritmo di Google.

L’algoritmo di Google è diverso dagli altri motori di ricerca?

Sì, per prima cosa, non sappiamo con quale frequenza i motori di ricerca come Bing o Yahoo aggiornino i loro algoritmi, mentre sappiamo che Google aggiorna il suo algoritmo molto frequentemente.

D’altra parte, c’è un po’ più di trasparenza sui principali fattori di ranking di Bing, che includono:

  • Metadati;
  • Tempo di caricamento della pagina;
  • Quantità e qualità dei backlink.


In un certo senso, quindi, è più facile comprendere l’algoritmo SEO di Bing e modificare la tua strategia in modo che corrisponda ai suoi parametri.

Poiché Yahoo è strettamente legato a Bing, i principi sono molto simili, ma la differenza è che hanno pubblicato una guida trasparente e utile per aiutare i marketer a comprendere meglio l’algoritmo del loro motore di ricerca e i principali fattori di ranking.

Se pensi che il nostro articolo ti sia stato utile, condividilo sul tuo social favorito e tagga il nostro magazine.

Cover Foto di Tim Mossholder su Unsplash

Articoli Correlati

Ecco che tipo di contenuti avranno i migliori risultati sui social media nel 2024

Ecco che tipo di contenuti avranno i migliori risultati sui social media nel 2024

Ora che il 2023 è finito, è tempo di iniziare il 2024 con il piede giusto! Diamo quindi un’occhiata all’attenta…
È l’inizio di una nuova era dell’Intelligenza Artificiale in Google: l’era Gemini

È l’inizio di una nuova era dell’Intelligenza Artificiale in Google: l’era Gemini

Google lancia Gemini, il modello AI che potrebbe davvero battere GPT-4. Il 6 Dicembre, Sundar Pichai, CEO di Google, e…
Moët Hennessy, Branding Records e Maserati ospiti al "MARKETERs Experience 2023 – Behind the Name"

Moët Hennessy, Branding Records e Maserati ospiti al "MARKETERs Experience 2023 – Behind the Name"

Nel pomeriggio di Venerdì 1 Dicembre, l’aula magna del campus di San Giobbe dell’Università Ca’ Foscari ha ospitato il primo…

Contenuti