ALEPH & OTHER Tales

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Venezia79: personaggi in cerca di “redenzione” sul red carpet

Biennale Cinema 2022 | Day By Day 04

In Master Gardener di Paul Schrader, Sigourney Weaver, nel ruolo di Norma Haverhill, ereditiera di una tenuta di famiglia e dei suoi preziosi giardini fioriti, è al suo meglio!
Questo è proprio quel genere di ruolo che ha avuto troppo poco in questo secolo.

L’attrice non è però il fulcro del film.

Richard Lawson: «Mentre ci chiediamo perché il caro papà di Norma (Sigourney Weaver) avesse un oggetto da collezione del Terzo Reich, la domanda più importante del film è quella di Narvel Roth (Joel Edgerton). È l’orticoltore titolare, che gestisce i terreni ben curati della proprietà.»

Narvel era un cattivo ragazzo una volta, e Master Gardener descrive il lento lavoro per diventare migliore.

Red Carpet Master Gardener | Actress Sigourney Weaver | Credits La Biennale di Venezia – Foto ASAC ph Giorgio Zucchiatti

In Monica di Andrea Pallaoro, la protagonista torna a casa, per la prima volta dopo una lunga assenza.

Ritrovando sua madre e il resto della propria famiglia, da cui si era allontanata da adolescente, intraprende un percorso nel dolore e nelle paure, nei bisogni e nei desideri fino a scoprire dentro di sé la forza per guarire le ferite del proprio passato.

Il ritratto intimo di una donna che esplora i temi universali dell’abbandono e dell’accettazione, del riscatto e del perdono.

Andrea Pallaoro: «Negli ultimi anni, il confronto con la malattia di mia madre mi ha portato a riflettere sul mio passato e sugli effetti psicologici dell’abbandono.

A partire da questa esperienza ho voluto raccontare una storia che esplorasse la complessità della dignità umana, le conseguenze profonde del rifiuto e le difficoltà nel guarire le proprie ferite.


Attraverso un linguaggio cinematografico che prende forma da un costante dialogo tra l’estetica dell’intimità e dell’alienazione, in bilico tra l’interiorità della protagonista e il mondo che la circonda, i miei collaboratori ed io ci siamo addentrati nel mondo emotivo e psicologico di Monica per riflettere sulla natura precaria dell’identità di ciascuno di noi quando viene messa alla prova dalla necessità di sopravvivere e trasformarsi.»

Venezia79 Photocall Monica: Andrea Pallaoro, Trace Lysette and Patricia Clarkson | Credits La Biennale di Venezia | Foto ASAC ph Giorgio Zucchiatti

In Margini, film diretto da Niccolò Falsetti, ambientato nel 2008 a Grosseto, incontriamo tre giovani amici, Edoardo, Iacopo e Michele (Emanuele Linfatti, Matteo Creatini e Francesco Turbanti), che hanno formato un gruppo street punk hardcore.

Finora hanno suonato soltanto a sagre e feste dell’Unità, ma finalmente si presenta un’occasione d’oro: aprire il concerto dei Defense, gruppo punk hardcore americano, a Bologna.

La data del concerto viene poi cancellata.

A Michele viene allora in mente di invitare i Defense a Grosseto e, miracolosamente, la band accetta!

Peccato che manchino il locale, l’impianto acustico e i soldi per i trasferimenti.


La storia racconta una generazione successiva a quella di Ovosodo. strizzando l’occhio al cinema dei Virzì, ma ha un’originalità e un’autenticità tutte proprie.

Venezia79: Margini | Official Still credits Francesco Rossi

Presentato alle Giornate degli Autori nella sezione Notti veneziane, Las Leonas è il film diretto da Chiara Bondì e Isabel Achával (prodotto dalla Sacher di Nanni Moretti con Rai Cinema).

Nel film, come ospite d’eccezione, appare lo stesso Moretti.

Las Leonas è un documentario che racconta di un gruppo di donne immigrate.

Lavorano tutte a Roma, come badanti, tate o donne delle pulizie, ma sono accomunate da un’unica grande passione: il calcio.

Ogni domenica si ritrovano sul campo e danno inizio a un vero e proprio torneo.

E insieme alla passione per il pallone, il film ci racconta anche la vita privata, le speranze e lo sguardo sul mondo di queste giovani donne.

Venezia79: Las Leonas

Tanti personaggi emozionanti e unici, in questa quarta giornata della Biennale Cinema 2022: tutti in cerca di “redenzione”.

Cover Ph: Photocall “Master Gardener” | Actress Quintessa Swindell | Credits La Biennale di Venezia – Foto ASAC ph Giorgio Zucchiatti

Miriam Bendìa
Tra un viaggio e l’altro, vive a Roma. Ha scritto un pugno di libri. Come Philippe Daverio, sostiene che la vita con l'arte talvolta migliora l'arte della vita. Sogna molto, la notte. E ha imparato, al risveglio, a fidarsi delle proprie visioni oniriche.

Articoli Correlati

"Il Regno del Pianeta delle Scimmie" di Wes Ball

"Il Regno del Pianeta delle Scimmie" di Wes Ball

Il Regno del Pianeta delle Scimmie (Kingdom of the Planet of the Apes), nuovo capitolo dell’epico franchise, da mercoledì 8…
"Star Wars: L’Impero colpisce ancora" al Roma Film Music Festival

"Star Wars: L’Impero colpisce ancora" al Roma Film Music Festival

È la pellicola della grande rivelazione (quel Sono tuo padre, svelato a Luke Skywalker, che nel 1980 ha lasciato a bocca…
"Fly Me to the Moon" e la missione di "vendere la Luna"

"Fly Me to the Moon" e la missione di "vendere la Luna"

Un’intelligente ed emozionante commedia drammatica, ambientata nel contesto dello storico allunaggio NASA dell’Apollo 11. Assunta per rilanciare l’immagine pubblica della…

Contenuti