ALEPH & OTHER Tales

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Quali sono le regole di base per una scrittura efficace?

Quora è una piattaforma di domande e risposte per condividere e accrescere la conoscenza nel mondo, un modo per connettersi con esperti che partecipano attraverso contenuti di qualità.

Nella rubrica Quora in pillole propongo ogni mese le risposte più interessanti, su tematiche che spaziano dal marketing alla comunicazione, dalla tecnologia fino all’arte e alle esperienze personali.

Se vuoi condividere le tue conoscenze o fare domande, iscriviti su it.quora.com.

La domanda di oggi:

quali sono le regole di base per una scrittura efficace?

Risposta di Rose Bazzoli.

Photo by hannah grace on Unsplash

Queste sono le famose 40 regole di Umberto Eco, per scrivere bene.

Si tratta di un elenco tratto da vari manuali di scrittura inglesi che vengono presi in giro, mentre le regole stesse diventano un divertissement linguistico.

AVVERTIMENTO: è una roba lunga; si consiglia solo a chi ama la scrittura e l’ironia e, per rispettare la regola num. 11, sono da prendere “cum grano salis”.

1. Evita le allitterazioni, anche se allettano gli allocchi.

2. Non è che il congiuntivo va evitato, anzi, che lo si usa quando necessario.

3. Evita le frasi fatte: è minestra riscaldata.

4. Esprimiti siccome ti nutri, cioè parla come mangi.

5. Non usare sigle commerciali & abbreviazioni etc.

6. Ricorda (sempre) che la parentesi (anche quando pare indispensabile) interrompe il filo del discorso.

7. Stai attento a non fare… indigestione di puntini di sospensione.

8. Usa meno virgolette possibili: non è “fine”.

9 . Non generalizzare mai.

10. Le parole straniere non fanno affatto bon ton.

11. Sii avaro di citazioni. Diceva giustamente Emerson: “Odio le citazioni. Dimmi solo quello che sai tu”.

12. I paragoni sono come le frasi fatte.

13. Non essere ridondante; non ripetere due volte la stessa cosa; ripetere è superfluo (per ridondanza s’intende la spiegazione inutile di qualcosa che il lettore ha già capito).

14. Solo gli stronzi usano parole volgari.

15. Sii sempre più o meno specifico.

16. L’iperbole è la più straordinaria delle tecniche espressive.

17. Non fare frasi di una sola parola. Eliminale.

18. Guardati dalle metafore troppo ardite: sono piume sulle scaglie di un serpente.

19. Metti, le virgole, al posto giusto.

20. Distingui tra la funzione del punto e virgola e quella dei due punti: anche se non è facile.

21. Se non trovi l’espressione italiana adatta non ricorrere mai all’espressione dialettale: peso el tacòn del buso.

22. Non usare metafore incongruenti anche se ti paiono “cantare”: sono come un cigno che deraglia.

23. C’è davvero bisogno di domande retoriche?

24. Sii conciso, cerca di condensare i tuoi pensieri nel minor numero di parole possibile, evitando frasi lunghe — o spezzate da incisi che inevitabilmente confondono il lettore poco attento — affinché il tuo discorso non contribuisca a quell’inquinamento dell’informazione che è certamente (specie quando inutilmente farcito di precisazioni inutili, o almeno non indispensabili) una delle tragedie di questo nostro tempo dominato dal potere dei media.

25. Gli accenti non debbono essere nè scorretti nè inutili, perchè chi lo fà sbaglia.

26. Non si apostrofa un’articolo indeterminativo prima del sostantivo maschile.

27. Non essere enfatico! Sii parco con gli esclamativi!

28. Neppure i peggiori fans dei barbarismi pluralizzano i termini stranieri.

29. Scrivi in modo esatto i nomi stranieri, come Beaudelaire, Roosewelt, Niezsche, e simili.

30. Nomina direttamente autori e personaggi di cui parli, senza perifrasi. Così faceva il maggior scrittore lombardo del XIX secolo, l’autore del 5 maggio.

31. All’inizio del discorso usa la captatio benevolentiae, per ingraziarti il lettore (ma forse siete così stupidi da non capire neppure quello che vi sto dicendo).

32. Cura puntiliosamente l’ortograffia.

33. Inutile dirti quanto sono stucchevoli le preterizioni.

34. Non andare troppo sovente a capo.

35. Almeno, non quando non serve.

36. Non usare mai il plurale majestatis. Siamo convinti che faccia una pessima impressione.

37. Non confondere la causa con l’effetto: saresti in errore e dunque avresti sbagliato.

38. Non costruire frasi in cui la conclusione non segua logicamente dalle premesse: se tutti facessero così, allora le premesse conseguirebbero dalle conclusioni.

39. Non indulgere ad arcaismi, hapax legomena o altri lessemi inusitati, nonché deep structures rizomatiche che, per quanto ti appaiano come altrettante epifanie della differenza grammatologica e inviti alla deriva decostruttiva – ma peggio ancora sarebbe se risultassero eccepibili allo scrutinio di chi legga con acribia ecdotica – eccedano comunque le competenze cognitive del destinatario.

40. Non devi essere prolisso, ma neppure devi dire meno di quello che. Una frase compiuta deve avere.

Bene, se siete arrivati fin qui significa che siete davvero volenterosi e mi auguro si sia capito che anche la scrittura va presa seriamente… Ma neanche troppo. L’importante è essere consapevoli di quel che si scrive, quando si sbaglia.

L’elenco si trova ovunque sul web. Io l’ho preso da: Le regole per scrivere bene di Eco.

Ph Photo by Mika Baumeister on Unsplash

Valentina Tosi
Vive a Mountain View (California) dove riveste il ruolo di Head of Community Relations per l’Italia, in Quora. Valentina si è unita all’azienda nell’aprile del 2017 e si è occupata del lancio di Quora in Italiano, dopo aver lavorato a Google come Territory Manager per l’America Latina. Da quando si è trasferita in Silicon Valley, nel 2011, ha rivestito ruoli simili in altre aziende hi-tech. In precedenza ha vissuto a Barcellona, dove ricopriva il ruolo di Country Manager in una start-up del settore software as a service. Laureata in Lingue e Cultura per l’Impresa all’Università di Urbino, è nata e cresciuta a Gatteo Mare, in Romagna.

Articoli Correlati

Il Centro Formazione Supereroi e la scrittura come superpotere per affrontare il mondo

Il Centro Formazione Supereroi e la scrittura come superpotere per affrontare il mondo

Ha trovato casa in via Argelati a Milano il Centro Formazione Supereroi, associazione non-profit di professionisti della parola scritta (autori, editor,…
MARKETERs Experience 2022: amore, sessualità e disruptive marketing

MARKETERs Experience 2022: amore, sessualità e disruptive marketing

Il MARKETERs Experience 2022 – The Hot Seat si sta avvicinando! Venerdì 2 Dicembre 2022 avrà luogo la IX edizione dell’evento MARKETERs…
E se l’inutile potesse diventare poesia?

E se l’inutile potesse diventare poesia?

Il “Manuale dell’inutile” di Valerio Cruciani: come guardare al mondo e alla vita nel modo più giusto Se esistesse un…

Contenuti