ALEPH & OTHER Tales

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

Musica
Libri
Teatro
Cinema
Personaggi
LifeStyle

I Ciliegi in fiore hanno messo radici dove un tempo sorgeva il Muro di Berlino

Berlino, una città di contrasti, di storia, di rinascita. Ogni angolo di questa metropoli racconta una storia, e tra le strade trafficate e i monumenti storici, c’è un luogo che oggi cattura l’attenzione di tutti con la sua bellezza e il suo significato simbolico: i ciliegi in fiore, lungo il tratto di Lichterfelder Allee e Japan-Eck, che segnano il confine tra l’ex Berlino Est e Ovest.

Laddove un tempo si ergeva il muro di Berlino, grigio e imponente, oggi si assiste a uno spettacolo straordinario fatto di delicate sfumature di bianco e rosa. Oltre 1000 ciliegi, donati alla Germania in seguito alla caduta del muro, compongono questa magnifica vista, che rappresenta non solo il risveglio della natura dopo l’inverno, ma anche un potente simbolo di pace e riunificazione.

Fu l’emittente televisiva giapponese TV-Asahi a lanciare l’iniziativa di piantare i ciliegi lungo il vecchio confine, raccogliendo fondi tra i cittadini nipponici per celebrare la fine di un’epoca buia e la riunificazione della Germania. Questa dimostrazione di solidarietà internazionale e di supporto verso la nazione tedesca ha creato un legame indelebile tra i due paesi, che oggi si riflette in una splendida oasi floreale nel cuore di Berlino.

Credits Photo: fiori di ciliegio a Berlino di Alice Mosconi.

In Giappone i fiori di ciliegio (sakura) sono un simbolo inconfondibile dell’arrivo della primavera. Secondo la tradizione, portano pace e serenità nei cuori delle persone.

Nel 1990 il canale televisivo giapponese TV-Asahi, in seguito all’entusiasmo per la riunificazione della Germania, annunciò una raccolta fondi chiamata “Campagna Sakura” per piantare alberi di ciliegio giapponese in Germania.

Le donazioni dei cittadini giapponesi sono state numerosissime, tanto che sono stati raccolti fondi sufficienti per oltre 9.000 alberi, molti dei quali sono stati piantati a Berlino.

I primi alberi di ciliegio sono stati piantati nel novembre 1990 presso il ponte di Glienicke, luogo simbolo della divisione tedesca.

Il ponte Glienicke attraversa il fiume Havel e collega il quartiere Wannsee di Berlino Ovest con Potsdam, la capitale del Brandeburgo. È passato nei libri di storia come una scena della guerra fredda, perché in diverse occasioni gli agenti del Patto di Varsavia catturati sono stati scambiati qui con spie occidentali esposte. Il “Ponte degli agenti” era chiuso ai civili in quel momento. Il film di Steven Spielberg del 2015 “Bridge of Spies – Il negoziatore” sulla storia dello scambio di agenti di Francis Gary Powers (USA) contro Rudolf Abel (URSS) nel 1962 è stato girato nel luogo originale.

Credits Photo: fiori di ciliegio a Berlino di Alice Mosconi.

“Tra i rami dei ciliegi in fiore, nessuno è uno straniero qui”, è scritto sulla targa di bronzo di una pietra commemorativa situata al confine di Berlino est, dove un tempo c’era il muro. Questo luogo simbolico a Berlino è chiamato “Japaneck” ed è collegato alla Lichterfelder Alle da una via alberata di ciliegi, anche questi donati dai cittadini giapponesi dopo la riunificazione. Qui la cosiddetta “Mauerweg”, la strada del muro, è chiamata appunto “TV-Asahi-Kirschblütenallee”, ovvero “Strada dei Ciliegi in Fiore TV-Asahi”.

Oggi si possono trovare molti ciliegi nell’ex fascia di confine, ma anche nei parchi e nelle strutture pubbliche.

Durante la primavera, quando i ciliegi sono in fiore, l’atmosfera lungo Lichterfelder Allee diventa magica. Le strade sono affollate di turisti e residenti, che si immergono nella bellezza di questo spettacolo naturale unico nel suo genere. La gente passeggia tra i rami fioriti, scatta fotografie e si ferma ad ammirare la vista, mentre il profumo dolce dei fiori riempie l’aria.

Credits Photo: fiori di ciliegio a Berlino di Alice Mosconi.

Ma oltre alla sua bellezza estetica, questa fioritura primaverile porta con sé un significato più profondo.

I ciliegi in fiore simboleggiano la rinascita di Berlino, la trasformazione di una città divisa in una comunità unita. Attraverso la loro presenza, essi ricordano a tutti il potere della pace, della riconciliazione e della speranza per un futuro migliore.

Oggi, mentre i ciliegi in fiore continuano a essere uno dei principali punti di attrazione di Berlino durante la primavera, essi rappresentano anche un richiamo alla memoria collettiva della città. Ci ricordano i giorni bui del passato, ma anche la forza e la determinazione con cui Berlino ha affrontato le sue sfide e ha abbracciato il cambiamento.

In un mondo in cui le divisioni e i conflitti sembrano ancora troppo spesso dominare le nostre vite, i ciliegi in fiore di Berlino ci ricordano che la pace e l’unità sono possibili. Essi ci invitano a guardare al futuro con ottimismo e a lavorare insieme per costruire un mondo migliore per le generazioni future.

Cover Foto di Kat Smith su Pexels.

Articoli Correlati

Le nazioni più felici nel 2023 e la percezione dei giovani: un'analisi globale

Le nazioni più felici nel 2023 e la percezione dei giovani: un'analisi globale

Il World Happiness Report 2024 ha recentemente rivelato le nazioni più felici al mondo per l’anno precedente, offrendo uno sguardo…
Inquinamento ambientale: l'industria tessile

Inquinamento ambientale: l'industria tessile

L’industria tessile, come è noto, è uno dei settori più critici in termini di: inquinamento ambientale, sfruttamento delle acque, consumi…
Arsenico: da re dei veleni a cura per il cancro

Arsenico: da re dei veleni a cura per il cancro

Se chiedessi a tutti voi di immaginare un veleno, penso che molti risponderebbero “cianuro” ma la maggior parte probabilmente risponderebbe…

Contenuti